PER FAVORE QUALCUNO LI FERMI !!!!! INCREDIBILE.

Il Pdl contro il reato di apologia fascismo
Schifani “esterrefatto”, l’ira dell’opposizione.

Presentato al Senato un ddl costituzionale per l’abolizione della norma transitoria e finale che vieta la “riorganizzazione del disciolto partito fascista”. Pd: “Grave e offensivo per la storia del Paese”. Idv: “Hanno gettato la maschera”. Il presidente del Senato auspica che il progetto venga ritirato. Protesta la comunità ebraica. I firmatari: “E’ un adeguamento dell’ordinamento”

ROMA – Un disegno di legge costituzionale che abolisce la XII norma transitoria e finale della Costituzione, quella che vieta “sotto qualsiasi forma, la riorganizzazione del disciolto partito fascista”. Lo ha presentato al Senato, lo scorso 29 marzo, il senatore del Pdl Cristano De Eccher (Pdl), cofirmatari i senatori del Pdl Fabrizio Di Stefano, Francesco Bevilacqua, Giorgio Bornacin, Achille Totaro e il senatore Fli Egidio Digilio, che dopo un colloquio con il vicepresidente del suo gruppo Italo Bocchino ha deciso di ritirare la firma. Sulla base di quella norma costituzionale nel 1952 venne introdotto nella cosiddetta legge Scelba il reato di apologia del fascismo.

Il disegno di legge lascia “esterrefatto” anche Renato Schifani. Da ambienti vicini alla presidenza del Senato si è appreso oggi che è rimasto sorpreso dalla notizia della presentazione del ddl costituzionale che, qualora diventasse legge dello Stato, non porrebbe più divieti alla “riorganizzazione sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista”. Il presidente dell’assemblea di Palazzo Madama, pur nel rispetto delle loro prerogative costituzionali, auspicherebbe che i firmatari della proposta possano rivedere la loro iniziativa.

Durissima la reazione del Partito democratico. “Trovo molto grave e offensivo per la storia del Paese e della Repubblica e per la nostra democrazia che il Pdl voglia abolire, attraverso un disegno di legge, il reato di apologia del fascismo”, commenta Anna Finocchiaro.

La presidente del gruppo al Senato aggiunge che “sarebbe l’ennesimo piccolo gesto mirato, sistematico ma molto significativo, che il Pdl sta usando per distruggere i pilastri della nostra Costituzione. Chiediamo che questo atto venga subito ritirato”.

Lascia un commento