dal Comitato di David Gentili: appello al voto

gentiliCarissime, carissimi,

La scelta di fare politica l’ho maturata nel quartiere dove ho vissuto: il Giambellino. Una periferia, come molte altre, in cui si toccano con mano i problemi che viviamo quotidianamente. E dal lavoro che ho scelto, proprio per stare vicino a chi è più in difficoltà, quello di counsellor psicosociale, sia in quartieri complessi, sia a S.Vittore. Sono stato Consigliere di Zona, dal 2008 sono Consigliere Comunale. Oggi presiedo la Commissione antimafia a Palazzo Marino. All’attività politica ho affiancato l’impegno per la legalità e per l’etica nelle pubbliche amministrazioni, che mi ha portato ad essere coordinatore regionale dell’Associazione Avviso Pubblico.

Ci avviciniamo ad un momento importante per il nostro partito, per la comunità di cui faccio parte con orgoglio da tanti anni: l’elezione del Segretario dell’Area Metropolitana.

Parto da qui, dall’orgoglio del sentirsi parte, che mi ha spinto qualche settimana fa a mettermi in gioco ed a candidarmi a due condizioni: che non si scatenassero intorno a me i soliti giochi al ribasso correntizi e che avrei voluto avere una squadra che andasse al di là delle appartenenze, ma si costruisse sul merito e sull’impegno nei territori.
Sono contento che insieme a me ci siano altri tre candidati: ci siamo allontanati da ogni unanimismo. Nel momento in cui non c’è dibattito, non esiste partito. C’è la deresponsabilizzazione totale. L’esternalizzazione al leader, alla dirigenza, delle proprie prerogative. Dei propri diritti di cittadinanza. Dobbiamo difenderci dal populismo e dalla delega in bianco innanzitutto in casa nostra.

Io mi batterò affinché nel nostro partito metropolitano si torni a votare. Si torni a scrivere documenti, a condividerli tra circoli. Li si proponga all’attenzione di tutti. Votare è lo strumento principe della democrazia. E’ il principale antidoto contro le scelte al ribasso. Mediazioni che non hanno sapore e scontentano tutti. Questo è un primo elemento della mia candidatura alla segreteria provinciale.
Perché il cambiamento parte da noi stessi, non dagli altri.

Per fare questo dobbiamo:

  • rendere più snelli gli organismi dirigenti, funzionali, adatti alla discussione che proviene dal basso. Dovremo soprattutto votare più spesso, prendendoci la responsabilità della linea politica e garantendo rappresentanza ad ogni territorio.
  • acquisire nuove competenze utilizzando gli strumenti che la tecnologia ci mette a disposizione. Per questo alla mia candidatura è stato associata da subito una piattaforma online per confrontarsi sul programma, con la possibilità di integrarlo. Più partecipate sono le scelte più sono forti.
  • Valorizzare le esperienze e le competenze con il rinnovamento dei gruppi tematici. Per un PD aperto non solo agli iscritti, ma anche chi vuole mettere a disposizione le proprie competenze e la propria professionalità.

Solo attraverso questo rafforzamento del nostro PD saremo in grado di affrontare le sfide che abbiamo di fronte:

  • per le Amministrazioni: la Giunta Pisapia e le Giunte dell’Area Metropolitana hanno bisogno di un PD autorevole e radicato nel territorio, che aiuti ad individuare i bisogni emergenti, le strategie politiche e dia risposte in un rapporto diretto per i circoli e i cittadini.
  • per affrontare i grandi temi: per un partito impegnato nella ricerca di soluzioni e in grado di suggerire risposte alle grandi sfide: Expo 2015, città metropolitana (la vera sfida del nostro partito, per garantire migliori servizi e abbattere le barriere che il nostro territorio ha naturalmente superato), emergenza occupazione, legalità, scuola, inclusione sociale, consumo di suolo, cultura, mobilità e trasporti pubblici. Per questo nel mio programma non parlo solo del nostro PD ma degli orizzonti che individuiamo sulle questioni cruciali per il nostro tessuto sociale.
  • Per riportare al centro i nostri valori: parole come solidarietà, uguaglianza, diritti, pari opportunità, legalità, etica siano messe in cima alla nostra agenda politica, per fare le scelte cui siamo chiamati con forza, semplicità e chiarezza, mettendo al centro le periferie della nostra società.

Potete leggere il mio programma sul sito www.davidgentilisegretario.it. E potete anche contribuire ad arricchirlo con le vostre idee su www.wetropolis.org, la piattaforma partecipata dove potrete modificarlo, commentarlo e integrarlo con le vostre osservazioni.

Vi ricordo che a Milano e provincia si vota nella giornata di sabato 26 ottobre presso tutti i Circoli del Partito Democratico, dalle ore 15 alle ore 18. I singoli circoli potrebbero garantire l’apertura anche durante la mattina, quindi rivolgetevi al vostro circolo per ulteriori informazioni.
Possono votare tutti gli iscritti al Partito Democratico, anche coloro che si iscrivono lo stesso giorno delle votazioni.
Riceverete una scheda sulla quale sono scritti i nomi dei quattro candidati: per votarmi basta barrare la casella con il mio nome.

Ho bisogno dell’impegno di tutti voi, del gioco di squadra per condividere le nostre idee su come vogliamo il Partito Democratico nell’area metropolitana milanese con gli iscritti e con i simpatizzanti che si vorranno iscrivere al PD magari anche grazie a noi.

Grazie a tutti e a presto,
David Gentili

Lascia un commento